Home / Mondo / Richard Falk (Onu): Israele pratica apartheid nei territori palestinesi

Richard Falk (Onu): Israele pratica apartheid nei territori palestinesi

Le politiche di Israele in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza sono simili all’apartheid, a causa della oppressione sistematica del popolo palestinese e di espropriazione di fatto della loro terra.

L’accusa è contenuta nell’ultimo rapporto di Richard Falk, inviato speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani, sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati dal 1967.
Richard Falk sostiene che i diritti dei palestinesi sono stati violati dalla prolungata occupazione israeliana dei territori palestinesi e dalla “pulizia etnica” messa in atto a Gerusalemme est.

“Gaza, nonostante il disimpegno di Israele nel 2005, resta “occupato” in virtù di un blocco israeliano illegale che controlla i confini, lo spazio aereo e le acque costiere, e soprattutto danneggia agricoltori e pescatori. La situazione umanitaria nell’enclave governata da Hamas è terribile.

Gli Stati membri dell’ONU dovrebbero prendere in considerazione di imporre un divieto sulle importazioni di prodotti provenienti da insediamenti ebraici in Cisgiordania.”

In una sezione intitolata “atti potenzialmente pari a segregazione e apartheid”, Falk ha analizzato le politiche israeliane, tra cui “continuo uso eccessivo della forza da parte delle forze di sicurezza israeliane” e uccisioni illegali che sono “parte di atti compiuti al fine di mantenere il dominio su palestinesi”.

“I palestinesi in Cisgiordania sono soggetti alle leggi militari, mentre i coloni ebrei ad  un sistema di diritto civile. Israele viola anche i loro diritti al lavoro e all’istruzione, libertà di circolazione e di soggiorno e di espressione e di riunione”. L’effetto combinato di queste misure è la protezione per i cittadini israeliani, facilitando le loro aziende agricole, e l’espansione degli insediamenti che rendono la vita impossibile ai palestinesi”.

Dieci anni fa, la Corte di Giustizia Internazionale delle Nazioni Unite ha stabilito che il muro di separazione di Israele all’interno della Cisgiordania è illegale, mentre  Israele al contrario sostiene che si tratta di una barriera di sicurezza.

“Sembra incontestabile – scrive Falk nel rapporto –  che le misure israeliane dividono la popolazione del territorio palestinese occupato lungo linee “razziali”, creano riserve separate per i palestinesi”.

“L’effetto combinato delle misure intese a garantire la sicurezza per i cittadini israeliani, per facilitare ed espandere gli insediamenti, e, sembrerebbe, di annettere terra è “hafrada” (separazione in ebraico), la discriminazione e l’oppressione sistematica del popolo palestinese”.


POLEMICHE

Falk, un professore di legge americano che è ebreo, è stato a lungo una figura controversa. Dopo aver preso l’incarico dell’Onu  nel maggio 2008, ha paragonato le azioni delle forze israeliane nella Striscia di Gaza a quelle dei nazisti in Europa durante la guerra.

Mesi dopo, è stato arrestato all’aeroporto Ben Gurion e espulso dalle autorità israeliane dopo essere stato bloccato mentre attraversava aree palestinesi per svolgere le sue indagini.

Lo scorso giugno ha detto che non avrebbe dato le dimissioni e ha accusato i critici di chiamarlo antisemita per distogliere l’attenzione dal suo controllo delle politiche israeliane.

Falk ha detto nel suo ultimo rapporto che le imprese e le nazioni dovrebbero esaminare chi trae profitto dagli “insediamenti di Israele e da altre attività illegali israeliane” e adottare le misure appropriate.

“Considerando il fatto che l’Unione europea – scrive Falk – rimane uno dei più importanti partner commerciali per gli insediamenti, con esportazioni annuali del valore di  300 milioni di dollari, il divieto di produzione avrebbe un impatto significativo”.

Da qui il suggerimento di Falk agli Stati membri dell’Onu di “imporre il bando totale alle importazioni da Cisgiordania e Gaza”. Il documento di Falk è destinato a rafforzare il movimento a favore del boicottaggio dei prodotti israeliani provenienti dalla Cisgiordania che durante questa settimana svolge attività di protesta in diversi atenei anglosassoni, da Oxford in Gran Bretagna al Michigan negli Stati Uniti.

di Francesco Madrigrano

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Appello contro l’aggressione della Turchia al Rojava ed alle Forze Democratiche Siriane

  Dopo l’invasione in territorio siriano e l’occupazione della città di Jarablus – avvenuta peraltro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *