Home / Esteri

Esteri

Neofascismo e suprematismo. Alla radice del golpe in Bolivia

di Stefano Zecchinelli L’amministrazione Trump, col colpo di stato in Bolivia, si colloca in perfetta continuità col neo-monronismo dei suoi predecessori. Nei momenti di crisi, l’imperialismo non tollera nemmeno delle alternative di riformismo sociale (socialdemocrazia, laburismo radicale, populismo indigeno) se queste si propongono la costruzione di un mondo multipolare. Ha …

Leggi di più »

Meno rifiugiati in America, lo dice la Corte Suprema

di Domenico Maceri * SANTA BARBARA  – “Ancora una volta il potere esecutivo ha creato una legge che rovescia pratiche esistenti di lunga data per i rifugiati che cercano di sfuggire alle persecuzioni”. Così ha reagito con dissenso la giudice Sonia Sotomayor sulla nuova normativa sui rifugiati, proposta dall’amministrazione di Donald Trump e approvata temporaneamente dalla Corte …

Leggi di più »

Israele, lo scontro è tra visioni del capitalismo

Lo stallo politico israeliano si colloca all’interno d’uno scenario geopolitico inedito: il presidente Trump, a differenza dei suoi predecessori, pensa d’integrare la Palestina nel mercato globale. Contrariamente alla prospettiva dell’amministrazione Trump, il capitalismo non attenua la conflittualità sociale, ma la radicalizza. Il presidente Obama cercò di risolvere il conflitto arabo-israeliano puntando sul …

Leggi di più »

Proteste in Albania, tra realtà e racconto dei media

di Albert Nikolla* Ho seguito con attenzione il modo in cui la situazione in Albania è stata rappresentata dai mass-media italiani e, non senza stupore, ho osservato che diversi scritti mancano molto nel rappresentare fedelmente la realtà e le dinamiche particolari del nostro paese. Sicuramente negli ultimi mesi ci sono …

Leggi di più »

Honduras, cresce il fronte anti-golpe

  di Mario Occhinero   34 morti e oltre 1500 arrestati fino al giorno di Natale: è il saldo provvisorio della crisi honduregna a partire dalla frode elettorale del 26 novembre 2017. Il fatto: quando il candidato dell’Alleanza di Opposizione Contro la Dittatura era avanti di 5 punti percentuali, e …

Leggi di più »

L’Honduras dei golpes blandi

    di Mario Occhinero   Il territorio dell’Honduras, che una volta apparteneva alla civiltà Maya, prese l’attuale denominazione, che si riferisce alla profondità delle acque, con l’arrivo di Cristoforo Colombo, nel 1502. Con lo steso criterio, oggi, questo Paese si potrebbe denominare “Blanduras”, stante l’attuazione di una serie di …

Leggi di più »

Corea del nord: questa sconosciuta quasi normale

  di Luigi pandolfi Il risalire della tensione lungo il 38° parallelo ha riacceso i riflettori dei media internazionali sulla Corea del Nord. Salvo qualche eccezione, tuttavia, a prevalere sono gli argomenti di sempre: minaccia nucleare e (presunte) bizzarrie del regime. Beninteso: la corsa agli armamenti di Pyongyang è un dato reale, così …

Leggi di più »

Messico: esplode la rabbia per il massacro di Iguala

  A Città del Messico molti manifestano con in mano le foto dei 43 studenti dellaEscuela Normal Rural de Ayotzinapa assassinati a Iguala, nello stato messicano del Guerrero, altri si sdraiano e occupa la grande Piazza El Zocalo, altri ancora colpiscono i luoghi del potere incendiando l’ingresso principale del Palacio Nacional e …

Leggi di più »

Sussidi e rabbia: perché la Germania è ancora divisa

Un viaggio di mezz’ora dai lussuosi quartieri della periferia ovest a quelli disagiati dell’estremo Est di Berlino. Un’occhiata alle mappe regionali dell’istituto di statistica tedesco. O semplicemente la lettura di una busta paga di un cittadino dell’Ovest, dove un 5% è ancora destinato alla Patto di solidarietà, la contribuzione per …

Leggi di più »