Home / Economia / In Afghanistan rischio catastrofe umanitaria

In Afghanistan rischio catastrofe umanitaria

“Una corsa contro il tempo” per evitare una catastrofe umanitaria in Afghanistan, secondo il direttore esecutivo del Programma Alimentare Mondiale David Beasley.  

Un totale di 22,8 milioni di persone, più della metà della popolazione, affronta una fame acuta quando le temperature scendono sotto lo zero.

“Quello che sta succedendo in Afghanistan è semplicemente orribile”, ha detto Beasley. “Ho incontrato famiglie senza lavoro, senza soldi e senza cibo, madri che hanno venduto un bambino per sfamare un altro e i bambini fortunati che sono arrivati ​​in ospedale. Il mondo non può voltare le spalle mentre il popolo afghano muore di fame”.

Con oltre 682.000 persone sfollate a causa della siccità, della crisi economica e dei conflitti, il WFP chiede 2,6 miliardi di dollari nel 2022 per fornire supporto salvavita e lavorare per la resilienza a lungo termine.

Oltre all’assistenza alimentare, le sovvenzioni in denaro del WFP consentono alle persone di acquistare cibo, integrando i suoi sforzi per aumentare la resilienza delle comunità attraverso attività come la formazione in tecniche agricole e progetti di irrigazione.  

Donne in una clinica nutrizionale a Faizabad. Foto: WFP/Shelley Thakral
Donne in una clinica nutrizionale a Faizabad. Foto: WFP/Shelley Thakral

I bisogni umanitari sono triplicati, secondo l’organizzazione, la cui flotta di 170 camion attraversa il paese, consegnando cibo nutriente a villaggi remoti e aree urbane.  

Con l’arrivo del rigido inverno, il WFP prevede di raggiungere 23 milioni di persone fino a gennaio, più della metà della popolazione. Tuttavia, il suo lavoro dipende da finanziamenti sufficienti. Quest’anno, il WFP ha servito 15 milioni di persone, tra cui donne che allattano e bambini di età inferiore ai 5 anni.

“Qui il volto della fame sta cambiando”, ha affermato Shelley Thakral, capo delle comunicazioni del WFP nel paese. “Le persone nelle città ora soffrono di insicurezza alimentare a tassi simili alle comunità rurali”.

“Hanno perso il reddito, non c’è lavoro, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati, in alcuni casi la siccità e il conflitto hanno costretto le persone a lasciare le proprie case. In alcuni dei distretti del nord-est del Paese i livelli dell’acqua sono pericolosamente bassi». 

“Circa il 70 per cento della popolazione afgana vive in aree rurali e l’85 per cento trae reddito dall’agricoltura”, ha affermato Thakral. “Ciò significa che gli shock climatici come la siccità, le inondazioni e le frane hanno un effetto smisurato sulle famiglie e sull’economia nazionale. Poi ci sono sfide come la deforestazione, il pascolo eccessivo e l’aumento della scarsità d’acqua mentre i ghiacciai si ritirano”. 

Mary-Ellen McGroarty, direttrice nazionale del WFP per l’Afghanistan, ha implorato la comunità internazionale di rispondere a quello che lei chiama uno ‘tsunami di fame’.

Venditori ambulanti in un mercato di vestiti di seconda mano in Afghanistan. Foto: WFP/Alessio Romenzï
Venditori ambulanti in un mercato di vestiti di seconda mano in Afghanistan. Foto: WFP/Alessio Romenzï

“Dobbiamo separare l’imperativo umanitario dalle discussioni politiche”, ha affermato. “Il popolo innocente dell’Afghanistan, i bambini… a cui le loro vite sono state capovolte non per colpa loro, non possono essere condannati alla fame solo a causa della lotteria della geopolitica e della lotteria della nascita”.

Il capo delle emergenze del WFP, Margot van der Velden, ha fatto eco alle sue preoccupazioni: “Le sanzioni ci impediscono di operare, perché le sanzioni indicano che non siamo autorizzati a operare con il governo di fatto”. Prima di agosto e del passaggio di consegne ai talebani, il conflitto aveva provocato lo sfollamento di oltre 600.000 persone.

Da allora, l’economia è in caduta libera: la disponibilità di denaro contante è fortemente limitata poiché il paese è escluso dal sistema bancario internazionale. La crisi economica ha creato una nuova classe di affamati. Per la prima volta, i residenti urbani soffrono di insicurezza alimentare a tassi simili alle comunità rurali, con queste ultime devastate dalla siccità due volte negli ultimi tre anni. 

“Questo si sta manifestando in quasi 23 milioni di persone che non sono in grado di ottenere un piatto decente di cibo ogni giorno”, ha affermato McGroarty. “Molte delle persone che ho incontrato, in tutto il paese, mi dicono che sono terrorizzate per l’inverno, perché con l’aumento dei prezzi del cibo, con l’aumento dei prezzi del carburante e con la scomparsa dei posti di lavoro, non sanno come passare.

I prezzi dei prodotti di base come il pane sono aumentati negli ultimi mesi. Foto: WFP/Shelley Thakral
I prezzi dei prodotti di base come il pane sono aumentati negli ultimi mesi. 
Foto: WFP/Shelley Thakral

Shelley Thakral, che è appena tornata da una visita a Faizabad, ha aggiunto che in mezzo al freddo estremo, “non ci sono soldi per le famiglie per comprare legna da ardere. Mentre eravamo seduti con un gruppo di 20 donne in un piccolo villaggio, un’ex insegnante mi ha detto che ha venduto la maggior parte dei suoi oggetti e utensili per la casa”.

Numerose donne che ha incontrato hanno condiviso i loro numeri di telefono con lei in un disperato appello di aiuto. Uno le ha detto: “Voglio morire. Soffro, non ho soldi per mangiare, non mangio da due giorni e non ho soldi per pagare l’affitto”.

Donne in un mercato a Mazar-i-Sharif dove la gente va a vendere i propri averi. Foto: fotogramma del video del WFP
Donne in un mercato a Mazar-i-Sharif dove la gente va a vendere i propri averi. 
Foto: fotogramma del WFP

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Il Presidente della Repubblica in Italia

il nuovo libro di Gianluca Passarelli Dal momento in cui il nuovo Presidente della Repubblica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.