Home / In Evidenza / No ad uno scenario jugoslavo per l’Italia. E’ ora di mobilitarsi

No ad uno scenario jugoslavo per l’Italia. E’ ora di mobilitarsi

di Luigi Pandolfi

Dopo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, anche il Piemonte si appresta a chiedere l’autonomia. Nel frattempo, fonti del governo fanno sapere che nel vertice di ieri a Palazzo Chigi, convocato proprio sul tema delle autonomie, le cose sarebbero andate molto bene in un clima collaborativo.

Luigi Pandolfi

Dopo l’ubriacatura collettiva e trasversale sul federalismo fiscale dei primi anni duemila siamo arrivati alla follia dell’autonomia à la carte. Nemmeno la foglia di fico di un progetto di riforma organico dell’assetto istituzionale e fiscale del Paese.

Si profila uno scenario jugoslavo per l’Italia. Un Paese a brandelli, con alcuni pezzi integrati nella catena del valore europea a guida tedesca, e altri, il Mezzogiorno, lasciati alla deriva.

Lo vuole la Lega. Ma tutti gli altri, con l’eccezione di poche minoranze politiche e di alcuni intellettuali, chinano il capo oppure offrono il proprio silenzio. Il PD la vuole per l’Emilia Romagna e i suoi esponenti del Nord hanno votato SÌ ai referendum promossi da Zaia e Maroni. Il Movimento 5 Stelle venderebbe pure la madre pur di restare al governo.

Il sindacato, che pure ha fatto una manifestazione per il Sud a Reggio Calabria, non riesce a tirare fuori una posizione risoluta, senza se e senza ma, sulla questione, mettendo nel conto anche uno sciopero generale.

In questo momento, guai a dire che “l’autonomia è un fatto positivo purché non danneggi il Sud”. È una posizione ipocrita e arrendevole.

Non ha senso parlare di “autonomia” in un Paese segnato da un profondo divario tra Nord e Sud. E l’autonomia senza soldi non la vorrebbe nessuno, a cominciare da chi oggi la chiede.

Forse sarebbe il caso che gli intellettuali più schierati su questo fronte lanciassero un appello per una grande manifestazione nazionale, magari a Napoli, per dire NO a questo scellerato progetto e rilanciare il grande tema di un’Italia unita nelle opportunità, nella qualità dei servizi, nei diritti.

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Jazz al femminile, al XXVI Festival delle Serre di Cerisano (CS)

Il centro storico di Cerisano sarà scenario e quinta naturale degli appuntamenti previsti in cartellone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *