Home / Temperie / Pesci in Barile

Pesci in Barile

 

Cosa possono vedere i pesci tenuti in conserva dentro un barile? Un bel nulla. ‘Na beata minchia, direbbe Cetto. Suppergiù la stessa cosa accade ai vari economisti al servizio delle forze più conservatrici e retrive. Costoro non si accorgono che il tanto incensato capitalismo ci sta spingendo tutti (loro inclusi) verso sicura rovina. Insostenibili sperequazioni di ricchezza, tra le nazioni e dentro le nazioni, fanno preconizzare guerre senza ritorno e conflitti sociali sconvolgenti. Stiamo crepando tutti avvelenati dai fumi delle infinite Ilva e dagli alimenti succulenti che il Libero Mercato (libero soprattutto per i criminali) ci propina, ma va tutto bene. Anzi, proprio non c’è alternativa. T.I.N.A., there is no alternative, come predicava impunemente la mai abbastanza vituperata cosiddetta signora Thatcher.

Più o meno quello che dicevano vassalli, valvassori e valvassini a proposito del feudalesimo. Insomma, continuiamo così, facciamoci del male. Questo è l’unico mondo possibile, la società del consumo frenetico è l’unica società possibile. E guai a quei putribondi figuri che propongono modelli di sviluppo alternativi! A chi pensa che in un mondo finito non sia assolutamente possibile una crescita economica illimitata. A chi pensa che per essere felici non è necessario viaggiare in Ferrari. A chi sostiene che il vero sviluppo debba mettere al centro la qualità della vita e non il P.i.l. Bene, dobbiamo suggerire a questi economisti guastafeste di smetterla una volta per tutte di raccontare favole e di infilarsi anche loro nel famoso barile, insieme ai colleghi liberisti. Amen.

 

di Andrea Leccese

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Governo. Il populismo double face alla prova

di Marco Revelli La voce della senatrice a vita Liliana Segre si leva alta, limpida …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *