Home / Temperie / La dichiarazione di Tsipras dopo l’incontro con Papa Francesco

La dichiarazione di Tsipras dopo l’incontro con Papa Francesco

 

“Con Papa Francesco, che è stato chiamato il ‘Papa dei poveri’, abbiamo avuto l’occasione di parlare della crisi economica, che non è solo economica, ma anche crisi di valori. Abbiamo avuto l’occasione di parlare del bisogno che la politica ispiri di nuovo le persone con visioni collettive che potranno ripristinare i valori spirituali universali contro i valori dominanti del materialismo consumista e del profitto”, ha detto Alexis Tsipras dopo il suo incontro con Papa Francesco.

“Abbiamo avuto l’opportunità di parlare della grande questione degli interventi militari nel Medio Oriente e in Ucraina e il bisogno di costruire un mondo più giusto. Abbiamo avuto l’occasione di parlare delle ragioni strutturali che generano la povertà e le diseguaglianze sociali, che è l’ineguale distribuzione del reddito e l’autonomia, l’immunità dei mercati finanziari. Abbiamo chiesto al Papa di prendere l’iniziativa a livello internazionale per fermare la guerra e per la pace. Abbiamo parlato dell’immigrazione e delle tragiche conseguenze della politica europea in materia; politica che necessita un’urgente revisione”, ha continuato il presidente di SYRIZA.

“Ho avuto l’occasione di trasmettere l’immagine che esiste attualmente nel nostro paese, la Grecia. Dopo quattro anni di stallo e ingiuste politiche di austerità, la maggioranza del popolo greco paga il salvataggio delle banche mentre alcuni portano fuori all’estero i loro soldi. Gli ho detto [al Papa] che questa grande ingiustizia deve deve essere sanata e che il popolo greco è deciso di fare tutto per correggere questa ingiustizia”, ha detto Tsipras.

“Infine, siamo d’accordo sulla necessità di continuare il dialogo della sinistra europea con la chiesa cristiana. È necessario creare un’alleanza globale contro la povertà, le diseguaglianze di fronte alla logica che mette i profitti sopra le persone, di costruire un’alleanza sul percorso dei nostri tratti comune e le nostre strade parallele”, ha concluso il vicepresidente del Partito della Sinistra Europea.

di Redazione

 

 

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Governo. Il populismo double face alla prova

di Marco Revelli La voce della senatrice a vita Liliana Segre si leva alta, limpida …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *