Home / Mondo / Conflitto nella Repubblica Centrafricana: rischio fame per oltre un milione di persone

Conflitto nella Repubblica Centrafricana: rischio fame per oltre un milione di persone

Secondo un recente studio, 1,1 milioni di persone nella Repubblica Centrafricana rischiano la fame mentre la situazione potrebbe peggiorare a causa dei raccolti ridotti e di una drastica riduzione delle attività economiche a seguito di mesi di violenze nel paese.

BANGUI – Secondo un recente studio, 1,1 milioni di persone nella Repubblica Centrafricana rischiano la fame mentre la situazione potrebbe peggiorare a causa dei raccolti ridotti e di una drastica riduzione delle attività economiche a seguito di mesi di violenze nel paese.

Una missione di verifica della sicurezza alimentare d’emergenza, condotta congiuntamente dalle Nazioni Unite, dalle organizzazioni non-governative e dal governo della Repubblica Centrafricana, riporta come 1,1 milioni di persone, circa il 30 per cento della popolazione che vive fuori della capitale Bangui, sia impossibilitato a sfamarsi in maniera regolare o necessiti di assistenza alimentare.

Almeno la metà degli stimati 395.000 sfollati nella Repubblica Centrafricana non ha accesso ad una quantità sufficiente di cibo sano e nutriente, necessario per condurre una vita attiva e in salute.

Da quando è scoppiato il conflitto, nel dicembre 2012, molti agricoltori hanno lasciato le proprie fattorie, abbandonando i raccolti. La maggior parte delle famiglie dice che il loro bestiame è stato rubato. Alcune famiglie, per sopravvivere, hanno venduto i capi di bestiame e le sementi, mentre altre hanno venduto gli animali per paura di dover lasciare le case o per evitare saccheggi.

I risultati della verifica confermano i dati raccolti all’inizio dell’anno attraverso delle verifiche rapide volte a misurare l’effetto della crescente violenza sulla capacità delle persone di sfamare le proprie famiglie.

“Serve un’azione urgente affinchè cessino immediatamente le violenze nel paese consentendo a centinaia di migliaia di persone di fare ritorno alle proprie case e fattorie”, ha detto Housainou Taal, rappresentante del WFP nella Repubblica Centrafricana.  

“Facciamo appello alle parti in conflitto affinchè rispettino i diritti dei civili  e consentano l’accesso umanitario al nostro staff per raggiungere quanti hanno più bisogno”, ha aggiunto.

Le zone dove la popolazione ha più difficoltà a reperire il cibo sono Ouham, Ouham-Pende e Nana Gribizi nel Nord, Vakaga e Bamingui-Bangoran nel Nord-Ovest. Tuttavia, sacche di insicurezza alimentare esistono in tutto il paese.

Il WFP è preoccupato che la prossima stagione “del non raccolto” –  che in genere comincia a maggio e contraddistingue il periodo in cui le scorte alimentari sono esaurite, possa  cominciare già all’inizio del prossimo anno.

Due terzi dei contadini  interpellati  nel corso della missione di verifica hanno sottolineato come si aspettano un raccolto inferiore a quello dell’anno passato. Nel paese, il cibo disponibile potrebbe essere non sufficiente a coprire i bisogni della popolazione  a gennaio, febbraio 2014.

La disorganizzazione del commercio del cotone, la scarsità di forza lavoro disponibile e il minor raccolto di arachidi – fonte primaria di reddito delle famiglie contadine – hanno ridotto il potere di acquisto e le attività economiche con maggiori rischi per le condizioni nutrizionali. Esse potrebbero subire un drastico peggioramento a causa anche delle limitate possibilità di avere accesso alle cure sanitarie di base.

Il WFP ha fornito un’assistenza alimentare vitale a circa 250.000 persone nella Repubblica Centrafricana sin da gennaio di quest’anno. Per continuare a dare tale assistenza a uno dei popoli più vulnerabili del pianeta, il WFP ha bisogno di ulteriori 20 milioni di dollari, da ora sino ad aprile 2014.

“Grazie al continuo e generoso sostegno dei nostri donatori, intendiamo ampliare l’operazione di assistenza per rispondere rapidamente ai bisogni di oltre 600.000 persone vulnerabili, inclusi i bambini malnutriti, le donne incinte, quelle che allattano e i bambini in età scolare”, ha detto Taal.

Il WFP e la FAO, insieme ad altri partners, aiuteranno il governo della Repubblica Centrafricana a monitorare, in modo attento, le condizioni della sicurezza alimentare nei prossimi mesi.

di Redazione

Comunicato del WFP

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Appello contro l’aggressione della Turchia al Rojava ed alle Forze Democratiche Siriane

  Dopo l’invasione in territorio siriano e l’occupazione della città di Jarablus – avvenuta peraltro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *