Home / Europa / L’Ue si accorge che l’austerity non funziona

L’Ue si accorge che l’austerity non funziona

PARIGI – Gli economisti dell’Ue si accorgono che l’austerity non funziona. Jan In’t Veld, economista della Commissione europea, ha misurato gli effetti dei tagli imposti a molti paesi dell’eurogruppo. Record negativo per la Grecia con una perdita di Pil -8,05. L’Italia avrebbe così perso 4,9 punti di crescita, tra il 2011 e il 2013 e la Francia – 4,8%. Le conseguenze negative anche sulla solida Germania con una perdita di crescita stimata al 2,61%.

Intitolato “Fiscal consolidations and spillovers in the Euro area periphery and core”, il documento era stato pubblicato lunedì sul sito della Commissione europea. Dopo essere stato subito ripreso da un giornale greco, è stato tolto dal sito ufficiale ma infine rimesso sottolineando però che il lavoro di Veld “non rappresenta la posizione ufficiale” della Commissione. L’economista ha incrociato diversi dati macroeconomici nazionali, allargando però allo “spillover”, agli effetti su altri paesi e sull’intera eurozona.

Il documento

La Francia ha lottato contro i tagli

La Francia è capofila dei paesi che hanno cercato di contrastare le restrizioni sui conti pubblici imposte da Bruxelles. Il presidente socialista François Hollande ha condotto sforzi notevoli per tagliare la spesa pubblica ma ha comunque chiesto e ottenuto una proroga di due anni sul famoso obiettivo del 3% tra deficit e Pil. 

Il rapporto di Jan In’t Veld traccia un bilancio abbastanza duro del rigore economico imposto agli Stati negli ultimi tre anni e fornisce un assist prezioso ai partiti nazionali che da tempo criticano la scure di Bruxelles.

L’austerity imposta dall’Ue avrebbe avuto, secondo lo studio di Veld, forti conseguenze sull’occupazione. Senza l’austerity la Francia  avrebbe avuto 3 punti in meno di disoccupazione (7,8%), ovvero se avesse solo diminuito la spesa pubblica in base alla previsione di crescita, rinunciando, però, a raggiungere l’obiettivo di una riduzione del rapporto deficit/Pil, per molti economisti un obiettivo sbagliato.

Siamo alla fine – speriamo –  di un dogma. A Bruxelles qualcuno batte un colpo.

di Redazione

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Grecia e Macedonia, siglato l’accordo sul nome dell’ex repubblica jugoslava

di RE Storico accordo tra Macedonia e Grecia: siglata l’intesa sul cambio di nome del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *