Home / Economia / Lavoro / Il fenomeno agghiacciante delle morti sul lavoro

Il fenomeno agghiacciante delle morti sul lavoro

Qualche giorno fa, a Lamezia Terme in provincia di Catanzaro, si è consumata l’ennesima tragedia sul lavoro: tre giovani lavoratori di una ditta di produzione di oli raffinati sono morti a causa di un’esplosione verificatasi in azienda. Avevano poco più di trent’anni.

Secondo i dati dell’Inail, nello scorso anno sono stati ben 792 i lavoratori che hanno perso la vita lavorando. Nel 2011 se n’erano contati 866.

A livello di statistiche, l’Italia è al primo posto in Europa per morti sul lavoro: in Germania, nello stesso periodo di riferimento i casi sono stati 567, in Francia 555, in Spagna 338 e nella Gran Bretagna 172 (dati Eurostat aggiornati a Dicembre 2012).

Situazione leggermente diversa per gli infortuni sul lavoro, con Germania e Spagna, che precedono il nostro Paese.

Un fenomeno agghiacciante: decine e decine di lavoratori, vista la grande crisi economica che continua a penalizzare migliaia e migliaia di famiglie, muoiono per guadagnarsi semplicemente da vivere!

E dire che la nostra Costituzione stabilisce che la Repubblica è fondata proprio sul lavoro (Art.1). Un principio di base, che informa anche altri articoli della Carta.

Si prenda l’Art.4:

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

Che significa? Che in Italia il lavoro costituisce la base del vivere sociale, pertanto ogni persona ha il diritto e il dovere di svolgere una funzione lavorativa. Ma i costituenti non si sono fermati a fissare questo principio. Con l’art35 hanno fissato anche i termini della missione statale in tema di tutela del lavoro:

La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

Cura la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori.

Promuove e favorisce gli accordi e le organizzazioni internazionali intesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro.

Riconosce la libertà di emigrazione, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge nell’interesse generale, e tutela il lavoro italiano all’estero.”

Dunque la nostra Costituzione si può definire fortemente lavorista, sebbene per molti aspetti inapplicata. Viene da chiedersi, allora: questa Costituzione va cambiata o va applicata? Proprio di questi tempi, quando più forte appare la tentazione di alcuni di stravolgerla, i fatti, come quelli di Lamezia, si incaricano di dimostrare che la sua applicazione consentirebbe di vivere meglio e più civilmente in questo nostro paese.

Applicare la Costituzione significherebbe, nel caso specifico, aumentare i controlli delle autorità competenti nei luoghi di lavoro, imporre un’applicazione severa delle norme sulla sicurezza, che pure ci sono ma spesso sono disattese, punire severamente i titolari di impresa che non rispettano le regole, anche quelle che riguardano la retribuzione dei lavoratori.

Anche per questo, allora, più Costituzione!

di Lorenzo Caffè

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Decreti Jobs Act, l’inganno è servito

Nelle ore successive all’approvazione da parte del Consiglio dei ministri dei due decreti attuativi del Jobs …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *