Home / Cultura / Scienza / Gli incendi si spengono dallo spazio

Gli incendi si spengono dallo spazio

La ricerca applicata al servizio del territorio e della tutela ambientale delinea nuovi scenari futuri per la prevenzione degli incendi. Una nuova applicazione informatica, che utilizza i dati provenienti da diversi satelliti in orbita  geostatica, consentirà di prevenirli, controllarli e gestirli.

Tutto questo sarà possibile grazie al progetto “Sigri” (sistema integrato  e gestione del rischio incendi) realizzato dall’Asi (Agenzia spaziale Italiana) in collaborazione, tra gli altri, con il il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università della Calabria.

I satelliti, quindi, oltre a mettere in comunicazione con l’altra parte del mondo,  a guidarci a destinazione e a dirci che tempo farà, sono un osservatorio privilegiato da cui monitorare lo stato di salute del pianeta e le sue dinamiche, nonché un valido ausilio per la prevenzione e la gestione delle emergenze ambientali, grazie all’utilizzo dei dati di osservazione della terra dallo spazio.

Con l’uso delle tecnologie satellitari sarà possibile acquisire i dati in tempo reale anche di zone impervie e di difficile accesso, senza rischio umano, permettendo azioni dirette e più mirate supportate dal monitoraggio costante dell’evoluzione dell’evento. L’ausilio di satelliti radar al fianco di sistemi ottici multispettrali consentono di operare sia di giorno che si notte e in qualunque condizione meteo.

Il sistema Sigri permette l’elaborazione di diverse tipologie di mappe ed immagini a supporto delle tre fasi del rischio incendi, ossia prevenzione, gestione e valutazione del danno. 

Per quanto riguarda la prevenzione si elaborano specifiche mappe di pericolosità utili a capire le aree più soggette ad essere incendiate. In questo caso vengono valutate la vegetazione e l’olografia del terreno e le diverse caratteristiche di determinate regioni.

La seconda parte di gestione dell’evento coinvolge la simulazione della propagazione degli incendi e gli hot spot. Questi ultimi rilevano delle anomalie di temperature nell’area di interesse. Le simulazioni sulla propagazione degli incendi permettono di capire i tempi di propagazione  e l’area del territorio che sarà investita dall’incendio fino a monitorare tutta l’evoluzione dell’evento. Parallelamente gli hot spot consentono di vedere le anomalie di temperatura nelle regioni.

La terza fase di valutazione del danno confronta i dati satellitari con i danni  riscontrati a valle dell’evento. In questo caso viene elaborata l’area percorsa dal fuoco ad altissima risoluzione, cha può variare da mezzo metro a due metri, in base al satellite utilizzato.

Dopo tre anni di sperimentazione “Sigri” è stato da poco tempo validato dimostrando l’elevata accuratezza nell’elaborazione di mappe e immagini, comprovate dal confronto con la realtà al suolo.

La fase pre operativa getta le basi, quindi, per un potenziale utilizzo del sistema da parte della protezione civile, delle regioni e dei vigili del fuoco, come ausilio nella prevenzione e gestione degli incendi. In futuro, il fuoco sarà spento dallo spazio.

www.sigri.it

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

La passeggiata di Parmitano nello spazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *