Home / Attualita’ / Chi è Marcello Dell’Utri

Chi è Marcello Dell’Utri

Chi è Marcello dell’Utri. Un bibliofilo, come lui ama definirsi, e con spiccate doti di organizzatore, tanto da avere un ruolo determinante nel mettere in piedi da zero Forza Italia, dopo l’input ricevuto direttamente da Silvio Berlusconi.

La figura di Marcello Dell’Utri potrebbe stare già in queste due prime definizioni di massima – bibliofilo e organizzatore – visto che alla prima si collegano alcune polemiche di volta in volta riapparse, come quella sui presunti diari di Mussolini, e alla seconda si agganciano le ben più complicate questioni giudiziarie che ne hanno accompagnato la sua attività. Tanto che lui stesso, niente affatto privo di un umorismo con il gusto del surreale e del paradosso, spiegava di essere “un politico per legittima difesa”.

Palermitano classe 1941, Dell’Utri dal ’61 è  milanese di adozione. A Milano conosce Silvio Berlusconi, del quale diventa il più stretto collaboratore. La transazione sulla tenuta e la presenza di Vittorio Mangano legano a Dell’Utri l’ormai famosa casa di Arcore, quartier generale di Berlusconi, e la figura dello ‘stalliere’ considerato vicino alla mafia.

La vicenda esploderà con grande deflagrazione  più avanti. Prima, nell’82, è presidente e amministratore delegato di Publitalia, la concessionaria di pubblicità della Fininvest, gruppo del quale diventa ad nell’84. Nel  1993 l’ingresso in politica, con la discesa in campo di Berlusconi, ed è per unanime riconoscimento che la mente organizzativa dell’operazione Forza Italia sia proprio Dell’Utri. E’ lui, pare, a escogitare per primo l’uso dei manifesti 6×3 che faranno la fortuna delle campagne elettorali del Cavaliere. L’esordio quando ancora Forza Italia non esiste e Tangentopoli infuria. “Fozza Itaia”, dicono una serie di bambini con le mani alzate in segno di vittoria. E’ l’annuncio della discesa in campo e del successo del 27 marzo 1994.

 

Berlusconi gli sarà grato, non solo permettendogli una brillante carriera politica. In pubblico ne riconoscerà più di una volta i meriti, fin da subito i due sono ritratti insieme in foto scattate nelle numerose tenute del Cavaliere. Chi conosce il linguaggio per immagini caro all’allora premier sa quanto valga un tributo del genere. Dell’Utri è deputato, poi parlamentare europeo, poi senatore. Da più parti lo si indica come una vera e propria eminenza grigia del centrodestra. I suoi detrattori preferiscono parlarne come di un uomo che ama e gestisce il potere in modo spregiudicato.  Carriera pubblica brillante, ma i suoi guai con la giustizia iniziano quasi subito. Nel 1994, proprio mentre lui sbarca in Parlamento, la Procura della Repubblica di Palermo apre un fascicolo su di lui. Reato ipotizzato: concorso esterno in associazione mafiosa. Storia complicata, battaglia processuale senza esclusione di colpi. Nel 2010 la condanna in secondo grado a sette anni di reclusione. Oggi la Cassazione scrive un nuovo capitolo con la decisione di rifare il processo di secondi grado. La telenovela continua.

di Francesco Lamiani

Fonte: http://palermo.blogsicilia.it/

“Dopo che la Procura di Palermo ne aveva chiesto l’arresto, l’ex senatore, fondatore di Forza Italia, è fuggito con tre passaporti in tasca: quello italiano (mai ritirato) più uno della Guinea, e quello di Santo Domingo” (Fatto Quotidiano)

 

Scritto da Redazione

Ti potrebbe interessare

Libia, la guerra segreta dei droni militari da Sigonella

di Maurizio Simoncelli* Le notizie riportate da La Repubblica e da “The Intercept” sulle 550 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *